Pagina Attualità

Casal di Principe: "amore" violento fra donne. Tenta di uccidere la sua fidanzata, 23enne condannata

Una storia tra due giovani donne lesbiche è finita in violenza nell'Aversano. A pagare le...
Casal di Principe:

Sant’Antimo: evade dai domiciliari per fare una chiacchierata. Beccato dai carabinieri

Un 35enne nato ad Aversa ma residente a Sant’Antimo, ristretto ai domiciliari, ha deciso d...
Sant’Antimo: evade dai domiciliari per fare una chiacchierata. Beccato dai carabinieri

Giugliano: ragazzini fanno sesso tra i rifiuti, la denuncia dei cittadini

Alcuni minori sono stati beccati in via Vicinale Gianfelice, nei pressi di via Oasi S...
Giugliano: ragazzini fanno sesso tra i rifiuti, la denuncia dei cittadini

Aversa: rapina con sparatoria in Via Mancone, derubato noto imprenditore. Una Passante si sente male

Oggi intorno alle ore 12.30 alcuni delinquenti hanno messo a segno una rapina a mano armat...
Aversa: rapina con sparatoria in Via Mancone, derubato noto imprenditore. Una Passante si sente male

Continuano le rapine con il trucco del padre di famiglia. E' scattata l'allerta in zona

Dopo l'escamotage dello specchietto, per mettere a segno le rapine ai danni di ignari automobilisti, arriva adesso lo stratagemma del padre di famiglia. Da quanto è emerso le vittime preferite dei delinquenti sono le ragazze e i giovani neopatentati. ll malcapitato di turno viene tamponato di striscio, poi l’auto dei malintenzionati con a bordo un bambino, utilizzato per non destare sospetti, si avvicina.

Il bimbo, solitamente sul sedile passeggeri, crea nella vittima uno stato di fiducia che consente di mettere a segno il colpo. Quest'ultimo, una volta sceso dalla macchina scopre il raggiro. Dalle denunce è emerso infatti, che solo in un secondo momento i malviventi estraggono le armi e provvedono a minacciare e a derubare i malcapitati. Il trucco, chiamato "del padre di famiglia", è molto utilizzato soprattutto sull'Asse Mediano dove nell'ultimo periodo si sono registrati numerosi episodi.

Una variante avviene nelle aree di sosta, oppure con la vettura dei rapinatori che arriva poco dopo il tamponamento. Le forze dell'ordine suggeriscono per evitare di cadere in questi inganni, di annotare subito il numero di targa e chiamare la polizia municipale o la stradale.