Pagina Attualità

Far west a Villa Literno: si sparano in strada dopo una lite per la precedenza in auto

Due automobilisti si sono affrontati a colpi di pistola scatenando il panico tra i passant...
Far west a Villa Literno: si sparano in strada dopo una lite per la precedenza in auto

Incidente ad Aversa: uomo incastrato tra i binari in stazione, viene investito da un treno

Sabato sera un incidente si è verificato alla stazione ferroviaria di Aversa, dove...
Incidente ad Aversa: uomo incastrato tra i binari in stazione, viene investito da un treno

Allerta meteo: da domani ondata di caldo record. La protezione civile lancia l’allarme

La Protezione civile della Regione Campania, ”sulla base delle analisi effettuate su...
Allerta meteo: da domani ondata di caldo record. La protezione civile lancia l’allarme

Coppia uccisa a Mestre: due video choc nel cellulare del professore. Anastasia sedata e poi filmata

Sono stati rinvenuti due video, nel telefono cellulare di Stefano Perale, i...
Coppia uccisa a Mestre: due video choc nel cellulare del professore. Anastasia sedata e poi filmata

I killer lo uccisero davanti al nipotino, tre arresti

manette 3Dalle prime ore di questa mattina a Benevento e Milano, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta stanno dando esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Dda, nei confronti di tre indagati del clan dei Casalesi accusati di omicidio e detenzione e porto illegale di armi, con l'aggravante del metodo mafioso.

Gli arrestati sarebbero responsabili dell'omicidio di Antonio Bamundo, ucciso 16 anni fa, a 45 anni, sotto gli occhi del nipotino, che aveva solo 8 anni, nel suo distributore di carburante lungo la strada provinciale tra Casapesenna e San Marcellino. I sicari, l'11 maggio 2000, giunti a bordo di un'auto, fecero finta di fare rifornimento di benzina, subito dopo lo spararono colpendolo al volto e al torace, sotto gli occhi terrorizzati del bimbo.

Bamundo, nato a Giugliano ma residente a San Marcellino, era ritenuto affiliato al clan camorristico capeggiato da Vincenzo Zagaria, fu portato all'ospedale di Aversa dove morì poco dopo.