Pagina Attualità

Casal di Principe: tenta rapina alle poste con un taglierino

Ieri pomeriggio i Carabinieri di Casal di Principe, hanno arrestato, in flagranza del reat...
Casal di Principe: tenta rapina alle poste con un taglierino

Lusciano: disabile accusato di omicidio della madre, annullato arresto

Giovedì pomeriggio i giudici della X sezione del Tribunale del Riesame di Napoli ha...
Lusciano: disabile accusato di omicidio della madre, annullato arresto

Tragedia a Lusciano: muore sul campo di tennis durante una partita

Ieri pomeriggio, intorno alle 16, Luciano A., 68 anni, è morto sul campo da gioco d...
Tragedia a Lusciano: muore sul campo di tennis durante una partita

Aversa: morte operaio di Orta di Atella. Tre persone indagate

Il pm, Diana Russo, incaricato delle indagini sulla morte dell’operaio Dominico Iovi...
Aversa: morte operaio di Orta di Atella. Tre persone indagate

I killer lo uccisero davanti al nipotino, tre arresti

manette 3Dalle prime ore di questa mattina a Benevento e Milano, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta stanno dando esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Dda, nei confronti di tre indagati del clan dei Casalesi accusati di omicidio e detenzione e porto illegale di armi, con l'aggravante del metodo mafioso.

Gli arrestati sarebbero responsabili dell'omicidio di Antonio Bamundo, ucciso 16 anni fa, a 45 anni, sotto gli occhi del nipotino, che aveva solo 8 anni, nel suo distributore di carburante lungo la strada provinciale tra Casapesenna e San Marcellino. I sicari, l'11 maggio 2000, giunti a bordo di un'auto, fecero finta di fare rifornimento di benzina, subito dopo lo spararono colpendolo al volto e al torace, sotto gli occhi terrorizzati del bimbo.

Bamundo, nato a Giugliano ma residente a San Marcellino, era ritenuto affiliato al clan camorristico capeggiato da Vincenzo Zagaria, fu portato all'ospedale di Aversa dove morì poco dopo.