Omicidio ad Aversa: ragazzo ucciso in auto, scoperta l'identità

Nicola Picone

Questa notte un giovane di 26 anni è stato ucciso ad Aversa in Viale Europa nella sua auto. La vittima è Nicola Picone detto ‘o minorenne, ritenuto dagli inquirenti affiliato al clan dei casalesi e fedelissimo del figlio di Sandokan, Carmine Schiavone, detenuto dal 1998. Il 26enne pregiudicato è stato riconosciuto dopo alcune ore dal suo ritrovamento, poiché gli inquirenti inizialmente nella vettura avevano rinvenuto i documenti di un 20enne di Napoli.

L'identità del giovane è stata scoperta dopo un'accurata indagine sull’agguato, che è apparso fin da subito di matrice camorristica. Picone detto ‘o minorenne era originario di Teverola e residente a Casaluce, già noto alle forze dell'ordine era stato arrestato per estorsione e associazione mafiosa in un blitz contro la fazione Schiavone del clan dei Casalesi.

Il ragazzo è stato ammazzato con più di 10 colpi di arma da fuoco, in un distributore Agip situato in Viale Europa al confine con il comune di San Marcellino. Il cadavere è stato ritrovato questa mattina alle ore 4.30 dai militari dell’esercito impegnati nell’operazione “Strade sicure”. Dalle ricostruzioni effettuate dalla scientifica giunta sul posto è emerso che il giovane era al volante della sua Fiat Panda quando è stato colpito, dall’esterno, da numerosi colpi di pistola che lo hanno raggiunto soprattutto sul fianco sinistro.